Inaugurata ufficialmente l’OREMPLAST TENNIS ARENA

E’ stata una giornata importante, quella di sabato 1 dicembre, per la vita sociale e sportiva di Massa Lombarda e in particolare del suo Circolo Tennis.

Nel pomeriggio si è infatti svolta la cerimonia di inaugurazione ufficiale, con taglio del nastro, della nuova Oremplast Tennis Arena, struttura fissa in legno lamellare con due campi regolamentari in sintetico (più uno di allenamento senza corridoi), e della nuova viabilità all’incrocio tra le vie Castelletto, Imola e Fornace di Sopra. All’inaugurazione erano presenti il sindaco di Massa Lombarda, Daniele Bassi, il consigliere regionale Mirco Bagnari, Don Pietro Marchetti che ha benedetto la struttura, la famiglia Pagani e i dirigenti del Circolo Tennis Massa Lombarda, che hanno concretamente contribuito alla realizzazione di questa importante opera per la città della Bassa Romagna.

Dopo il fatidico taglio del nastro, i campi hanno ospitato una serie di partite dei giovani allievi della scuola tennis locale, per poi lasciare spazio agli allenamenti di rifinitura delle due squadre (Circolo Tennis Massa Lombarda e Tennis Club Palermo Due) in vista del decisivo spareggio per la permanenza in serie A1 maschile del giorno seguente.

 

“L’inaugurazione è stato davvero un grande momento di gioia ed emozione da parte di tutto il gruppo dirigente del nostro circolo – sottolinea il presidente Fulvio Campomori -. Io in particolare, ascoltando le parole del sindaco Daniele Bassi, del consigliere regionale Mirco Bagnari e del parroco don Pietro Marchetti, ho finalmente realizzato come in quel momento si stava concretizzando un sogno durato 15 anni. Un risultato importante ottenuto grazie allo sforzo corale dell’amministrazione comunale, del Circolo Tennis, della ditta Oremplast e della Regione. Questo importante investimento è la prova concreta e tangibile che quando varie anime del territorio uniscono le proprie forze per il raggiungimento di un obbiettivo comune, nulla è impossibile. Un esempio unico sicuramente in Romagna che ha consentito la realizzazione di un impianto all’avanguardia. Una scelta importante per tutta la comunità, con un investimento sui nostri giovani e sullo sport in generale. Un esempio concreto di come lo sport può essere socialità diffusa e opportunità di crescita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *